I nostri relatori / Paulius Motiejunas, l’Euroleague executive of the Year cura i giovani: “Lo Zalgiris è questo”

  • di

Paulius Motiejunas ha rivestito numerosi ruoli nello Zalgiris prima di diventarne presidente e proprietario. E’ stato direttore della comunicazione e poi General Manager ed attualmente dirige anche lo staff che gestisce la meravigliosa Zalgirio Arena di Kaunas che non ospita solo lo Zalgiris ma organizza molti altri grandi eventi anche non sportivi. Il successo economico dell’arena sovvenziona lo Zalgiris permettendogli di competere con le migliori squadre d’Europa, un percorso culminato con la straordinaria conquista delle Final Four 2018 nonostante un mercato economico e un budget notevolmente inferiore a quello delle antagoniste. E’ per questo che Motiejunas è stato eletto nelle ultime due stagioni Executive of the Year di Euroleague, il solo dirigente ad aver compiuto il back to back nella conquista del premio intitolato a Gianluigi Porelli.  “La priorità numero uno quando costruiamo la nostra squadra è valutare la situazione reale e sapere che tipo di squadra siamo e cosa possiamo fare sul mercato – dice Motiejunas -. Significa anche conoscere il budget, la nostra mentalità e su quali valori la nostra società è costruita”.

Il Porelli Award assegnato a Motiejunas ha premiato l’eccellenza dello Zalgiris non solo per i risultati sportivi  ma anche per gli introiti relativi alla singola partita, la fans experience durante le gare, il marketing e la comunicazione. Alla fine della stagione appena conclusa, lo Zalgiris ha raggiunto un record storico di presenze alla Zalgirio Arena con una media di 14.737 spettatori, 10 sold out e la più alta percentuale di nuovi fans. Ma la bellezza del progetto Zalgiris è legata anche al suo settore giovanile e alla costante produzione di giocatori utili per la prima squadra: “Il settore giovanile è qualcosa che necessita sempre di continui miglioramenti – dice Motiejunas -. Ogni passo che facciamo ha bisogno di verifiche e tempo per valutare se la cosa funziona o no. Con i ragazzi non puoi mai essere sicuro se il giocatore ha del potenziale  fino a quando non lo hai provato nel tuo sistema come minimo per due anni. E’ davvero difficile scoprire dei diamanti come Valanciunas o Doncic ma anche senza questi supertalenti abbiamo bisogno di vedere se i prodotti del nostro junior system sono in grado di entrare nella nostra squadra di Eurolega e dare un contributo. Perché lo Zalgiris è fondamentalmente questo” .

Dopo aver avuto come relatore nella prima edizione Christos Stavropoulos, allora manager dell’Olympiacos Piero e oggi g.m. dell’AX Armani Milano, Meet the Best offre ai propri iscritti la possibilità di una esperienza unica con il più quotato e poliedrico manager di basket in Europa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.